SEGNALAZIONE #12

TITOLO: Solomon Creed

AUTORE: Simon Toyne

EDITORE: Harper Collins

DATA DI USCITA: 08 giugno 2017

SINOSSI:

La popolazione di Redemption, in Arizona, si è radunata nel vecchio cimitero in cima alla collina per seppellire un concittadino, quando la cerimonia viene bruscamente interrotta da una violenta deflagrazione: nel vicino deserto è precipitato un aereo, e una colonna di fumo nero si leva nel cielo. Mentre accorre sulla scena del disastro, lo sceriffo Garth Morgan si imbatte in un uomo alto, dai capelli bianchi e dalla carnagione chiarissima, che corre scalzo sulla strada. Non ricorda nulla di sé. L’unico indizio sulla sua identità è un nome che compare sull’etichetta dell’elegante giacca nera che indossa e sulla dedica del libro che tiene in mano: Solomon Creed. Ma quando Morgan gli dice dove si trova, nasce in lui la convinzione di essere lì per salvare qualcuno. Una persona che non ha mai conosciuto… l’uomo che è stato sepolto quella mattina. Per svelare il mistero che avvolge il suo passato Solomon deve scavare nei segreti di Redemption e scoprire la verità sulla morte dell’uomo che è venuto a salvare. Qualcuno però è deciso a fermarlo, ed è disposto a tutto, anche a mettere in campo oscure forze per impedirgli di vedere la luce.

Cosa dite? Vi ispira? Fatemi sapere!

A presto lettori,

erigibbi

©

[ATTENZIONE! Sono affiliata ad amazon, dunque cliccando sui miei link e acquistando qualunque cosa percepirò una commissione per un massimo del 10% che amazon mi pagherà in buoni spendibili sul suo stesso sito e che io utilizzerò per comprare libri ed alimentare il blog ed il canale YT.
Se vuoi sostenermi compra da amazon attraverso il mio link sovrastante oppure da qui: http://amzn.to/2oDpsz8]

WWW Wednesday #6

Buongiorno lettori e ben ritrovati con un altro appuntamento con la rubrica WWW…Wednesday!

What are you currently reading? Cosa stai leggendo?

Allora, attualmente sto leggendo I tre moschettieri di Alexandre Dumas, Harry Potter and the Cursed Child e Il magico potere del riordino di Marie Kondo edito da Vallardi.

What did you recently finish reading? Cos’hai appena finito di leggere?

Nell’ultima settimana ho finito L’universo nei tuoi occhi di Jennifer Niven edito da De Agostini (recensione che uscirà domani) e la graphic novel Non sei mica il mondo di Raphaël Geffray edita da Tunué (recensione che uscirà venerdì).

What do you think you’ll read next? Cosa pensi leggerai in seguito?

I prossimi libri in lista sono Le nuove avventure di Scassy di Fabio Girometta edito da Giovanelli edizioni, si tratta di un libro per bambini; Il precario equilibrio della vita di Giorgio Marconi che mi ha inviato l’autore e Deathdate di Lance Rubin edito da De Agostini e che mi è stato gentilmente inviato perché è uscito il secondo volume (Birthdate) e quindi mi serviva il primo per capirci qualcosa ahahahaha.

Cosa ne pensate? Voi cosa avete letto? Cosa state leggendo? Cosa pensate di leggere poi? Fatemi sapere!

A presto lettori,

erigibbi

©

[ATTENZIONE! Sono affiliata ad amazon, dunque cliccando sui miei link e acquistando qualunque cosa percepirò una commissione per un massimo del 10% che amazon mi pagherà in buoni spendibili sul suo stesso sito e che io utilizzerò per comprare libri ed alimentare il blog ed il canale YT.
Se vuoi sostenermi compra da amazon attraverso il mio link sovrastante oppure da qui: http://amzn.to/2oDpsz8]

VIDEO RECENSIONE The Crown

Su YouTube vi parlo della serie tv Netflix The Crown!

The Crown RECENSIONE

A presto lettori,

erigibbi

©

[ATTENZIONE! Sono affiliata ad amazon, dunque cliccando sui miei link e acquistando qualunque cosa percepirò una commissione per un massimo del 10% che amazon mi pagherà in buoni spendibili sul suo stesso sito e che io utilizzerò per comprare libri ed alimentare il blog ed il canale YT.
Se vuoi sostenermi compra da amazon attraverso il mio link sovrastante oppure da qui: http://amzn.to/2oDpsz8]

TEASER TUESDAY #27

Buongiorno lettori, come ogni martedì anche oggi c’è l’appuntamento fisso con la rubrica teaser tuesday le cui regole sono le seguenti:

  1. Prendi il libro che stai leggendo.
  2. Aprilo ad una pagina a caso.
  3. Condividi un estratto di quella pagina.
  4. Occhio agli spoiler! Assicurati di non dire troppo (nuooooooo).
  5. Riporta titolo ed autore, così che i lettori possano aggiungere il libro alla loro wishlist se sono rimasti colpiti dal teaser.

Da Il magico potere del riordino di Marie Kondo:

Perciò, senza fermarvi a pensare se li avete letti o no, se avete assorbito il loro contenuto o no, prendeteli in mano uno per uno e decidete se vi fanno battere il cuore. Conservate solo quelli che vi inorgoglisce vedere nella vostra libreria, quelli che prendendoli in mano vi rendete conto di amare davvero.

Anche questo libro che state leggendo ora non fa eccezione. Se maneggiandolo non vi dirà nulla, voglio che lo buttiate senza remore.

Poi ci sono i libri che avete letto fino a un certo punto ma non avete mai finito, oppure quelli che avete comprato ma non avete mai iniziato. Che cosa fare dei libri che avreste voluto leggere?

Ho l’impressione che negli ultimi tempi la possibilità di comprare libri in internet abbia fatto aumentare notevolmente la quantità pro capite di libri non letti, da tre a più di quaranta. Ne compriamo uno nuovo prima ancora di aver finito l’ultimo e prima di rendercene conto i libri non letti si accumulano. Rispetto a quelli già letti, la categoria di quelli mai finiti è nettamente più difficile da sfoltire.

Pagina più azzeccata non potevo trovarla! Voi lettori e acquirenti compulsivi di libri cosa ne pensate? Aspetto un vostro parere!

A presto lettori,

erigibbi

©

[ATTENZIONE! Sono affiliata ad amazon, dunque cliccando sui miei link e acquistando qualunque cosa percepirò una commissione per un massimo del 10% che amazon mi pagherà in buoni spendibili sul suo stesso sito e che io utilizzerò per comprare libri ed alimentare il blog ed il canale YT.
Se vuoi sostenermi compra da amazon attraverso il mio link sovrastante oppure da qui: http://amzn.to/2oDpsz8]

INTERVISTA a Marco Dolcinelli

Buongiorno lettori, oggi torno con un’intervista a Marco Dolcinelli, autore de La vita è un tiro da tre punti.

Ciao Marco e benvenuto nel mio blog. Per rompere il ghiaccio che ne dici di raccontarci qualcosa su di te?

Ciao Erika e grazie a te per lo spazio che mi concedi. Sono nato e cresciuto in provincia di Verona, ma la mia famiglia è siciliana. Mi è sempre piaciuto scrivere e per questo motivo ho studiato giornalismo. Ultimamente però mi sono reso conto che non è proprio la strada migliore per me e ho iniziato a fare altro. Negli ultimi tre anni la mia vita è diventata un po’ nomade. Ho vissuto in Macedonia e in Serbia e da quattro mesi abito in Ungheria. “La vita è un tiro da tre punti” è il mio secondo libro, ma il primo lo abbiamo letto in quattro persone, parenti inclusi.

Il tuo libro, La vita è un tiro da tre punti, è tutta opera di fantasia o ti sei ispirato a qualcuno che conosci e/o a qualche fatto che ti accaduto?

Si tratta di un’opera di fantasia, però ho preso un po’ ispirazione dalla mia esperienza e da quella dei miei amici. Anche noi andavamo spesso al campetto a giocare a basket come i protagonisti del libro e qua e là certi ricordi sono serviti da spunto.

Com’è nata l’idea di questo libro?

Il primo libro che ho scritto era una storia molto complessa e fuori dall’ordinario. Per quanto mi sia divertito a scriverlo, quando si è trattato di trovare una nuova storia da raccontare, mi sono reso conto che avevo voglia di qualcosa di normale e ordinario in cui molta gente potesse immedesimarsi. Ho pensato subito a una storia di amicizia e sport. Alla fine ho scelto il basket perchè mi piace tantissimo ed era quello che si prestava meglio alle vicende che avevo in mente.

Tra Federico, Alberto e Orlando c’è un personaggio che preferisci? Perché proprio lui?

Se proprio devo scegliere, dico Federico perchè è quello che mi somiglia di più. E poi è l’unico che nel libro ha fortuna con le ragazze! Forse non a caso…

Descrivi il tuo libro con sole tre parole!

Semplice, sincero e, spero, divertente. 

Come ti prepari quando scrivi? E quanto tempo dedichi alla scrittura?

Penso molto a quello che voglio scrivere prima di mettermi davanti il computer, a volte pure troppo. Se voglio raccontare qualcosa di complicato butto giù qualche appunto, ma succede raramente. Il tempo che dedico alla scrittura dipende molto dai periodi. Su questo sono abbastanza umorale. Passo mesi senza mettere giù una parola e poi magari finisco un libro in qualche settimana, come è successo con “La vita è un tiro da tre punti”.

Hai mai pensato di rinunciare al mondo della scrittura?

Sono sincero, ogni giorno mi viene da pensare “chi me lo fa fare?”. Però amo scrivere e alla fine il divertimento che provo nel farlo mi fa passare sopra tutte le difficoltà. 

Come affronti le (eventuali) critiche al libro?

Cerco di affrontarle con lo spirito giusto. Arrabbiarsi è inutile. So benissimo che non si può piacere a tutti e che il libro che ho scritto ha molti difetti, ma se poste nel modo giusto, ben vengano le critiche. Alla fine non sono altro che suggerimenti per quello che scriverò in futuro. 

Al giorno d’oggi esistono molti blogger emergenti che si dedicano ai libri. Ne segui qualcuno? Cosa ne pensi?

Da quando ho iniziato a scrivere mi capita di leggere qualcosa, ma mentirei se dicessi che sono un attivo frequentatore di questi siti. Da quello che ho visto c’è un mondo molto attivo, ma forse un po’ troppo chiuso in se stesso. Si tratta però solo di una mia impressione personale e parziale.

Siamo giunti alla fine di questa intervista quindi se c’è una domanda che non ti ho posto e a cui avresti voluto rispondere, è la tua occasione!

Questa è difficile…diciamo questa: c’è qualche altro libro in programma? Di cosa parla? Sì, ci lavoro da un po’. È una storia di amicizia e viaggio ambientata nei Balcani, un posto che adoro.

Bene grazie Marco per essere stato disponibile a fare questa intervista e devo essere sincera, sono state proprio delle belle risposte, anche divertenti! 😉 Io nel frattempo attendo il tuo prossimo libro!

Ringrazio anche voi amici che anche oggi siete stati in mia, anzi nostra, compagnia!

A presto lettori,

erigibbi

©

[ATTENZIONE! Sono affiliata ad amazon, dunque cliccando sui miei link e acquistando qualunque cosa percepirò una commissione per un massimo del 10% che amazon mi pagherà in buoni spendibili sul suo stesso sito e che io utilizzerò per comprare libri ed alimentare il blog ed il canale YT.
Se vuoi sostenermi compra da amazon attraverso il mio link sovrastante oppure da qui: http://amzn.to/2oDpsz8]

RECENSIONE FILM SPLIT

Mi sembra sia già uscito qui sul blog il fatto che abbia studiato psicologia tutta una vita (sì, sto esagerando, ci ho dedicato solo 5 anni al liceo e 5 all’università) quindi potevo non guardare Split?

Il protagonista del film è un ragazzo che soffre di disturbo dissociativo di personalità conosciuto ai più come disturbo di personalità multiple. Lo ammetto, più pazzi sono più rimango affascinata, è più forte di me. Il vero nome di questo ragazzo è Kevin ma durante il film lo incontreremo veramente per pochi istanti. Kevin ha altre 23 personalità. Che sia veramente possibile? È molto raro in realtà, di solito ci aggiriamo da 2 a 4-5 al massimo, che io sappia, ma c’è stato un caso di un ragazzo in particolare (da cui io penso sia stata tratta ispirazione) che manifestava 24 personalità distinte: Billy Milligan. Nel film non vedremo tutte e 24 le personalità ma quelle più importanti e forti: Dennis, un uomo con DOC (disturbo ossessivo compulsivo) che lo porta ad essere ossessionato dalla pulizia propria ed altrui oltre che dall’ordine; Barry, un ragazzo che disegna vestiti di moda e che va in terapia da una dottoressa proprio per questo disturbo; Patricia (sì, chiaramente una donna) che inizialmente mi sembrava abbastanza razionale ma ho dovuto ricredermi e Hedwig, un bambino di 9 anni.

Sostanzialmente Dennis rapisce tre adolescenti, Claire, Marcia e Casey e mentre Claire e Marcia cercano di cospirare contro Dennis per avere la meglio sostenendo che in tre contro uno ce la si può fare, Casey è l’unica che fin dall’inizio sembra capire qualcosa, è come se sapesse come e quando bisogna agire. Scopriremo poi che Casey ha avuto un’infanzia difficile, in cui veniva abusata dallo zio. Questo le ha permesso di entrare in sintonia con il pensiero di Kevin e delle altre personalità perché l’evento scatenante del disturbo di Kevin è stato proprio l’abuso infantile oltre che i maltrattamenti subiti dalla madre.

La storia aveva un potenziale enorme ma tutto è scemato nel momento in cui è apparsa La Bestia. La Bestia è la 24° personalità di Kevin, dotata di forza sovraumana e (purtroppo per noi spettatori) in grado di arrampicarsi sui muri come fosse SpiderMan, in grado di non perdere una goccia di sangue dopo essere stato accoltellata (con un fianco d’acciaio visto che dopo essere stato accoltellata il coltello si è pure frantumato), in grado di restare praticamente indenne dopo due o tre colpi di fucile. Ecco qui è caduto tutto. Si è improvvisamente passati da un bel film ad un film di fantascienza fatto male visto che le scene in cui La Bestia si arrampicava sui muri erano evidentemente ritoccate male, anzi malissimo. Ma io dico, perchè? Mi sarebbe andata benissimo la personalità più forte, più resistente al dolore, ma perché renderla sostanzialmente d’acciaio, in grado di arrampicarsi sui muri e pure cannibale? (Mi stavo dimenticando di questo particolare essenziale). Un vero peccato.

Un’altra cosa che proprio mi ha dato fastidio, ma qui probabilmente entra in gioco la deformazione professionale è la seguente: la dottoressa (un’anziana signora con anni e anni di esperienza alle spalle, mica la giovane laureata di turno) non ha avvisato le autorità nel momento in cui ha capito che il suo paziente poteva fare del male a se stesso o qualcun’altro. GRAVE, GRAVISSIMO! Questa è una cosa che non sta né in cielo né in terra, non esiste! È dovere professionale farlo; quando uno psicologo, uno psichiatra ma anche un medico, capisce o pensa che il suo paziente può ledere a sé o agli altri non c’è segreto professionale che tenga.

Niente da dire invece sulla bravura di James McAvoy, una prestazione superlativa, fantastica, da bocca aperta, da brividi, da “se avessi la sua bravura conquisterei il mondo!”. Interpretare 6 persone differenti per età, sesso, caratteristiche fisiche e linguistiche (ad esempio quando interpreta Hedwig parla come un bambino e tra l’altro con il sigmatismo, vedi zeppola o s moscia o s sifula o Jovanotti) non deve essere per niente facile e lui c’è riuscito alla grande!

Io sicuramente vi consiglio il film perché è interessante ma da quando inizia ad esserci La Bestia per me c’è stato un calo brusco e infatti la mia valutazione proprio a causa di questa personalità è di sole:

stellinastellinastellina

Voi avete visto questo film? Cosa ne pensate? Fatemi sapere!

A presto lettori,

erigibbi

©

[ATTENZIONE! Sono affiliata ad amazon, dunque cliccando sui miei link e acquistando qualunque cosa percepirò una commissione per un massimo del 10% che amazon mi pagherà in buoni spendibili sul suo stesso sito e che io utilizzerò per comprare libri ed alimentare il blog ed il canale YT.
Se vuoi sostenermi compra da amazon attraverso il mio link sovrastante oppure da qui: http://amzn.to/2oDpsz8]

NUOVE USCITE per NEWTON COMPTON

Lettori dal 18 maggio la Newton Compton ha fatto uscire altri libri!

  • Una notte senza te di K. A. Linde (Amore in prima pagina Series): Il membro del congresso Brady Maxwell è candidato per essere rieletto, e la giornalista Liz Dougherty sta per laurearsi e iniziare una promettente carriera. Il futuro della ambiziosa coppia sembra più luminoso che mai. Entrambi hanno una grande passione per il loro lavoro… e l’uno per l’altra. Ma quando Brady tiene una conferenza stampa per presentare ufficialmente Liz al mondo come la sua ragazza, i giornalisti, assetati di scandali, iniziano a prenderla di mira. Ora ogni sua mossa viene scrutata sotto maliziosi riflettori, e le sembra che la sua vita stia cadendo a pezzi. Sulla strada per la rielezione, l’appassionato legame tra i due viene messo alla prova giorno dopo giorno. Minacciati dal sensazionalismo spudorato dei media e dalle calunnie di ex gelosi, Brady e Liz ora devono imparare a fidarsi l’uno dell’altra malgrado ciò che leggono sui giornali. Liz e Brady fanno i fuochi d’artificio durante la campagna elettorale, ma il loro amore riuscirà anche stavolta a trascendere la politica?
  • Per me esisti solo tu di Jessica Clare (The Billionaire Boys Club Series): Hunter e Gretchen stanno finalmente coronando il loro amore, ma il loro matrimonio potrebbe non essere il giorno da favola che hanno tanto sognato… Qualcuno vuole rovinare il futuro di Gretchen il giorno prima del gran giorno. Può fidarsi di Hunter, l’uomo a cui ha dato il suo cuore? E può davvero contare su sua sorella Daphne (la persona meno affidabile del mondo!) perché la aiuti a salvare il salvabile? O questo matrimonio è destinato ad andare in frantumi prima ancora che Gretchen e Hunter riescano ad arrivare all’altare?
  • Il gioco del destino di R. L. Mathewson (Neighbors Series): Cosa c’è di peggio che abitare porta a porta con quello che è stato il tuo peggior nemico d’infanzia? Semplice: essere costretta a condividere con lui il progetto dei tuoi sogni, dover accettare (sotto ricatto) qualcosa di sbagliato sotto molti punti di vista e infine farsi rubare una cioccolata calda dalla stessa persona che ti aveva convinto a berla. Rory James non è affatto certa che riuscirà ad arrivare alla fine del progetto senza diventare pazza, ma deve provarci, a patto che ci sia cioccolata in abbondanza e che riesca a resistere al fascino da cattivo ragazzo di Connor O’Neil. Altrimenti… Altrimenti è molto probabile che si ritrovi a trascorrere qualche notte in galera, che si becchi un’ordinanza restrittiva e che finisca per farsi spezzare il cuore dall’uomo che le ha rovinato la vita.
  • Io senza te di Lesley Jones (The Camage Series): Quando il tuo mondo, la tua vita e tutte le speranze che avevi per il futuro ti vengono strappati, come fai ad andare avanti? Mi sento morta pur essendo ancora viva ed è il modo più doloroso di vivere. Non so se sono abbastanza forte. Passo giorni e notti da sola a cercare di accettare la mia vita così com’è diventata. Avrò la forza di andare avanti e uscire dal tunnel, o lascerò che l’oscurità si impadronisca di me? Sono Georgia Rae Layton McCarthy e questa è la mia storia, soltanto la mia. Non sono più parte di un “noi”. Sono solo io. Da sola. Con me stessa.
  • Cioccolata amara di Loretta Tarducci e Elisa Trodella (Love Me Too Series): Che cosa ha in serbo per noi, questa volta, l’imprevedibile famiglia Garrone? Giulio è un marito e un padre esemplare, è un uomo solido e affidabile, forte e senza scheletri nell’armadio… O almeno, questo è ciò che tutti hanno sempre pensato. Eppure il suo passato nasconde un segreto, difficile da confessare e con il quale lui stesso non ha ancora fatto i conti. La vita però lo costringe a tornare indietro con la memoria, quando, mentre aspetta, terrorizzato, l’esito del parto prematuro di Felicia, sua figlia, i fantasmi lo assalgono. E allora Giulio si rende conto che è il momento di affrontarli. Uno in particolare. Si tratta di una donna, bella e travolgente ma complicata come un calcolo matematico. Una donna che gli ha rubato il cuore. E che non è sua moglie…
  • Come curarsi con il limone di Francesc Fossas: Il limone è un frutto con molte proprietà benefiche per l’uomo e senza effetti collaterali. In questo libro del nutrizionista ed esperto di cure naturali Francesc Fossas vengono riassunti tutti i possibili usi e i metodi di applicazione. Il limone favorisce la digestione, rafforza le difese immunitarie, previene le infezioni e l’invecchiamento vascolare, migliora le prestazioni fisiche e mentali. È inoltre un rimedio per affrontare meglio anemia, arteriosclerosi, ipertensione, ulcere gastriche, insufficienza epatica, reumatismi, obesità, mal di testa, sinusite, tonsillite, ferite varie. Infine il limone è apprezzato e si è diffuso come prodotto di punta della cosmesi naturale. Utilizzarlo al giorno d’oggi è la scelta giusta.
  • I dolci della nonna di Laura Rangoni: Le nonne dovrebbero essere patrimonio dell’umanità. Da loro, da quella saggezza ed esperienza, dalla sapienza di gesti ripetuti milioni di volte, nasce un’arte del fare quotidiano che, sempre più raramente, viene trasmesso di generazione in generazione. Questo libro raccoglie ricette antiche collezionate nel corso di decenni, frutto di migliaia di ore trascorse a chiacchierare con una nonna, davanti a un camino acceso e a una tazza di tè. Troverete ricette ormai universalmente conosciute ed entrate a far parte del nostro orizzonte gastronomico, e altre, un po’ più rare e desuete, che spesso portano il nome di chi le ha inventate o modificate. Sta a voi, lettori, farne buon uso, affinché la sapienza di quelle antiche mani non venga dimenticata.
  • Il metodo rivoluzionario per correre e meditare di William Pullen: Correre, fare jogging o più semplicemente camminare aiuta a sentirsi meglio. Chiunque l’abbia fatto almeno una volta nella vita potrà confermarlo. In questo libro destinato a tutti, William Pullen, esperto di psicoterapia, insegna a vivere a pieno le emozioni mentre si è in movimento. L’approccio parte proprio dal corpo, in molti casi costretto a rimanere fermo per diverse ore al giorno, a scuola, nei luoghi di lavoro, a casa. È in queste situazioni che si accumulano stress, ansia, rabbia e altri problemi. Spesso non vengono seriamente affrontati, ma un rimedio c’è e va sperimentato. Pullen ne offre uno tra i più originali ed efficaci. In questo viaggio sulla strada del benessere e del ritrovato equilibrio personale viene elencata tutta una serie di esercizi progettati per essere messi in pratica durante una corsa o una passeggiata, e utili a superare i propri limiti, a pensare con più consapevolezza, ognuno secondo le proprie caratteristiche. Mettere in movimento il proprio corpo vuol dire scoprire qualcosa di più della mente e in ultimo vivere più felici.
  • La farmacia di Aushwitz di Patricia Posner: Victor Capesius non fu un farmacista qualunque. Rappresentante in Romania dell’azienda chimica e farmaceutica tedesca Farben/Bayer, si unì alle SS all’età di 36 anni e divenne in breve tempo il responsabile della farmacia del più grande campo di concentramento nazista: Auschwitz. Basandosi su documenti originali, Patricia Posner ricostruisce le nefandezze compiute da Capesius e dai suoi collaboratori, che contribuirono a creare quel clima di terrore e di morte di cui Auschwitz è simbolo ancora oggi. Vent’anni dopo la fine della guerra, grazie al coraggio di un giudice e alle testimonianze preziose di un gruppo di sopravvissuti, uno dei peggiori boia di Auschwitz – coinvolto nell’utilizzo dello Zyklon B, il gas letale – venne finalmente portato sul banco degli imputati e condannato. Ma il lavoro meticoloso della Posner si sofferma anche sulle inquietanti responsabilità di una grande azienda come la Bayer, che diede un contributo decisivo alla realizzazione del piano di sterminio voluto dal regime nazista.
  • Mistero siciliano di Mario Giordano: Vista mare. Sole. Riposo. E buon vino con cui stordirsi fino allo svenimento definitivo. Questo cerca la zia Poldi quando si trasferisce da Monaco di Baviera a Torre Archirafi, in Sicilia. Ma non ha fatto i conti con la famiglia del suo defunto marito, che non ha alcuna intenzione di lasciarla alla propria solitudine, né con un evento imprevisto che accende inaspettatamente il suo interesse: Valentino, un ragazzo che spesso la aiuta in casa, sparisce all’improvviso. Figlia di un commissario di polizia, Poldi capisce, grazie al suo infallibile intuito, che Valentino non si è semplicemente allontanato. Deve essergli successo qualcosa. Da sola, Poldi decide di intraprendere una vera e propria indagine. Seguendo tracce e indizi e guidata dal suo eccezionale istinto, si mette alla ricerca del ragazzo, ed è proprio lei a scoprirne, sulla spiaggia, il corpo senza vita. Ma a quel punto il caso si complica, perché sulla scena compare il commissario Vito Montana, poco propenso ad avere tra i piedi una Miss Marple tedesca, per giunta affascinante. Eppure dovrà ben presto ricredersi: perché Poldi diventerà un personaggio chiave per l’evolversi delle indagini. 
  • La congiura di Federica Introna: Mentre gli aristocratici romani si rilassano nel lussuoso centro termale, fra laute cene e bagni rigeneranti, una liberta di nome Epicari prende parte attiva alla congiura ordita contro Nerone. Pronta e determinata, sorprende tutti incitando all’azione attraverso un discorso di grande efficacia ed esponendosi in prima persona per coinvolgere quante più forze possibile. Ma un inatteso colpo di scena rischia di compromettere il piano: un omicidio atroce e misterioso sconvolgerà gli animi dei congiurati, svelando il doppio volto di alcuni tra coloro che partecipano all’impresa. Personaggi ambiziosi e avidi di potere, nobili meschini e indolenti. Eppure tra di loro ci sono anche figure capaci di gesti disinteressati e coerenti. Mentre si tesse la trama contro un imperatore colpevole di atti crudeli e azioni scellerate, Epicari dovrà fare i conti col suo passato e con il suo primo amore, conoscerà la paura e il tradimento, ma non rinuncerà mai a lottare con tutta se stessa per la libertà. Per la propria e per quella di Roma. 
  • La libreria degli amore impossibili di Elisabetta Lugli: Anna vive a Torino e lavora alla Stella Polare, una libreria che offre ai suoi lettori una scelta di libri ricercati e raffinati. Quel posto le piace, nonostante le stranezze di Adele, la ricca proprietaria dal carattere brusco, a volte quasi ostile. Per il resto, la vita di Anna si divide tra una stramba famiglia, amiche eccentriche e una storia d’amore che non è mai davvero decollata. La sua routine s’interrompe quando, una mattina, legge sul giornale locale che Claudia, la sua migliore amica ai tempi dell’università, che non vede da molti anni, ha avuto un incidente. Combattuta sul da farsi, decide alla fine di andare a trovarla, non sospettando che quell’incontro possa cambiare la sua vita… Anna torna in libreria letteralmente sconvolta: tanti anni fa Claudia le ha mentito, Claudia l’ha indotta a lasciare Luca, il suo primo grande amore, Claudia ha condizionato le sue scelte. Le domande sul passato si affollano nella mente di Anna, tutte senza risposta. O almeno così sembra. Perché Anna non sa ancora che il destino sta per giocarle un altro scherzo. Qualcuno, proprio quel giorno, entra alla Stella Polare…
  • Love for Love di Claire Contreras (Heart Series): C’è stato un tempo in cui Jensen e Mia erano inseparabili. Poi le cose sono cambiate. Jensen sa che è colpa sua, sa di aver perso Mia. No, non l’ha persa. In realtà l’ha gettata via. Lei era la sua migliore amica, la sua musa ispiratrice, l’unica che credesse in lui. Sa di averle spezzato il cuore, ma all’epoca pensava di non avere altra scelta. Ora, a distanza di anni, lui e Mia si sono ritrovati a lavorare insieme e averla davanti ogni giorno gli ricorda il motivo per cui ha perso la testa per lei. Questa volta, però, Jensen non commetterà errori: ha intenzione di fare tutto quello che è in suo potere per non lasciarla andare.
  • La moglie segreta di Gill Paul: 1914. La Russia è sull’orlo del collasso economico e sociale e la famiglia Romanov si trova di fronte un futuro terribilmente incerto. La granduchessa Tatiana è innamorata dell’ufficiale di cavalleria Dimitri, ma gli eventi prendono una piega catastrofica, mettendo a rischio la loro storia d’amore e le loro stesse vite. 2016. Dopo una rivelazione inaspettata e devastante, Kitty Fisher lascia precipitosamente Londra per andare a rifugiarsi nel cottage del suo bisnonno nello Stato di New York. Lì, sulle rive del lago Akanabee, trova un prezioso ciondolo di antica fattura che la porta sulle tracce di un segreto di famiglia a lungo custodito… 
  • La tela dell’assassino di T. R. Ragan: Lizzy Gardner è felice. Ha appena trascorso una serata romantica con Jared, il suo ragazzo. Ma poco dopo averlo salutato per tornare a casa, il suo sorriso si spegne e per la diciassettenne inizia l’incubo. Lizzy viene rapita e la mattina successiva si risveglia incatenata e imbavagliata, in balia delle perversioni di un serial killer soprannominato l’Uomo Ragno, che terrorizza le sue prede prima di ucciderle. Lizzy però riesce a sfuggire alla morte, unica tra le vittime designate, anche se la polizia non troverà mai quell’assassino spietato. Quattordici anni dopo, Lizzy è un’investigatrice privata che nel tempo libero insegna tecniche di autodifesa a ragazze giovani. Ha tentato di lasciarsi alle spalle il suo ingombrante passato, di dimenticare di essere “l’unica che è riuscita a scappare”. Ma una telefonata di Jared, diventato nel frattempo un agente speciale dell’FBI, sconvolge di nuovo la sua vita. L’Uomo Ragno è tornato in azione, e ha un unico obiettivo: ritrovare Lizzy e chiudere i conti di un gioco mortale iniziato molto tempo prima.
  • Un giorno tranquillo per uccidere di Marieke Nijkamp: 10:00
    Nell’auditorium di un liceo dell’Alabama, dove sono riuniti tutti gli studenti, la preside conclude il suo discorso con gli auguri per il nuovo semestre.
    10:02
    Gli studenti si alzano dalle sedie e si dirigono verso l’uscita della sala per tornare nelle proprie aule. 
    10:03 
    La grande porta dell’auditorium non si apre, nonostante i ripetuti tentativi.
    10.05
    Qualcuno inizia a sparare all’impazzata.
    54 minuti di terrore raccontati da quattro prospettive diverse. La rabbia cieca e l’assurdo desiderio di vendetta di uno studente, la paura e la lotta per la sopravvivenza dei suoi compagni.

Cosa pensate di questi libri? C’è qualcosa che vi ispira? Fatemi sapere!

A presto lettori,

erigibbi

©

[ATTENZIONE! Sono affiliata ad amazon, dunque cliccando sui miei link e acquistando qualunque cosa percepirò una commissione per un massimo del 10% che amazon mi pagherà in buoni spendibili sul suo stesso sito e che io utilizzerò per comprare libri ed alimentare il blog ed il canale YT.
Se vuoi sostenermi compra da amazon attraverso il mio link sovrastante oppure da qui: http://amzn.to/2oDpsz8]

RECENSIONE LA VITA È UN TIRO DA TRE PUNTI di Marco Dolcinelli

TITOLO: La vita è un tiro da tre punti la vita è un tiro da tre punti

AUTORE: Marco Dolcinelli

EDITORE: Nativi Digitali Edizioni

PREZZO: € 12.48 cartaceo; € 3.99 e-book

RECENSIONE:

[grazie a Nativi Digitali Edizioni per il libro]

I protagonisti principali di questo libro sono Federico, Orlando e Alberto. Questi tre amici, assieme ad altri ragazzi della loro compagnia, amano andare al campetto: un campo dove ritrovarsi tutti assieme e giocare a basket. Questa pace idilliaca finisce il giorno in cui un altro gruppo di ragazzi, molto più bravi di loro in questo sport e non a caso soprannominati Le Bestie, decide di cominciare a giocare in quel campo. Lo scontro e le antipatie diventano insopportabili anche grazie ad una diatriba amorosa. Alberto propone una sfida impensabile ed impossibile: fare una serie di 5 partite, una a settimana, il primo gruppo che ne vince tre ha vinto il campetto e l’altro gruppo non potrà più giocare in quel luogo.

I personaggi principali sono tutti ben caratterizzati e differenziati tra loro: Federico ad esempio non si fa la barba da 3 mesi, da quando è stato lasciato dalla sua fidanzata dopo 4 anni; Alberto è diventato vegetariano da pochi mesi, suona e canta in una band ed è innamorato perso di Serena, la ragazza di uno dei tipi delle Bestie; Orlando lavora, ha una fidanzata, una sorella e una mamma a cui deve pensare da quando è morto il padre. Tutti sono però accomunati dal campetto e dal basket: c’è chi lo pratica solo da poco tempo e chi invece ci gioca da molti anni, chi avrebbe voluto avere una carriera in quello sport e chi semplicemente lo vede come un gioco e un hobby ma per tutti il campetto è un rifugio, un luogo dove ritrovarsi, dove l’unico pensiero che conta è vincere, magari con un tiro da tre.

Il primo capitolo è iniziato giustamente con una partita di basket: ho fatto un po’ di fatica ad orientarmi perché i nomi erano tanti, non capivo chi era contro chi ma questo mi ha dato proprio l’idea che ci fosse una vera partita di basket lì, di fronte alla mia finestra. Potevo sentire il rimbalzo della palla sul cemento, le urla dei ragazzi che chiamavano il passaggio, il rumore e lo stridore delle scarpe, le risate, le imprecazioni, la palla che prendeva il ferro, la palla che entrava, liscia, solo cotone.

Mi sono affezionata a questi ragazzi in una maniera assurda e spesso provavo un po’ di malinconia perché mi sarebbe piaciuto far parte di una compagnia di amici così affiatati, così sinceri, così veri, come se Federico, Orlando, Alberto e gli altri esistessero veramente. Forse anche l’ambientazione ha aiutato: il tutto si svolgeva a Verona, io abitavo in provincia di Padova fino a qualche mese fa, certo il luogo non è lo stesso ma mi ha dato l’impressione di essere più vicina a loro.

Mi è poi piaciuto come si sono evoluti i fatti: ci sono stati degli eventi che non pensavo minimamente potessero accadere e sono rimasta veramente soddisfatta del finale. Avevo il terrore che potesse essere banale e scontato ma invece no, è andata come doveva andare, come sarebbe andata nella vita vera e sono felice di questo.

In sostanza consiglio questo libro a tutti voi, che siate sportivi o meno, che amiate il basket o il calcio, che abbiate degli amici così oppure no, giocate la vostra partita e acquistate il libro.

stellinastellinastellinastellina

Link amazon: La vita è un tiro da tre punti di Marco Dolcinelli

Cosa dite di questo libro? Vi ispira?

A presto lettori,

erigibbi

©

[ATTENZIONE! Sono affiliata ad amazon, dunque cliccando sui miei link e acquistando qualunque cosa percepirò una commissione per un massimo del 10% che amazon mi pagherà in buoni spendibili sul suo stesso sito e che io utilizzerò per comprare libri ed alimentare il blog ed il canale YT.
Se vuoi sostenermi compra da amazon attraverso il mio link sovrastante oppure da qui: http://amzn.to/2oDpsz8]

VIDEO RECENSIONE Il rifugio di W. Paul Young

Lettori su YouTube trovate la mia recensione del libro Il rifugio di W. Paul Young in cui Mack, un uomo distrutto dal dolore per la perdita di una figlia affronterà un percorso di crescita aiutato da tre “persone” un po’ particolari.

A presto lettori,

erigibbi

©

[ATTENZIONE! Sono affiliata ad amazon, dunque cliccando sui miei link e acquistando qualunque cosa percepirò una commissione per un massimo del 10% che amazon mi pagherà in buoni spendibili sul suo stesso sito e che io utilizzerò per comprare libri ed alimentare il blog ed il canale YT.
Se vuoi sostenermi compra da amazon attraverso il mio link sovrastante oppure da qui: http://amzn.to/2oDpsz8]

SEGNALAZIONE #11

TITOLO: L’albero della vita – La Genesi la genesi

AUTORE: Ella M. Scarlett

EDITORE: Genesis Publishing

SINOSSI:

Per Eva il giardino dell’Eden è solo un vago ricordo, così come gli arcangeli e tutto ciò che fa parte del Regno Celeste. L’unica cosa che vorrebbe la ragazza è riavere Adam al suo fianco, ma la terribile maledizione, che pende sui loro capi, sembra destinata a durare per sempre. Per Lilith, il Regno Celeste è il nemico da sconfiggere ed Eva la pedina ideale per raggiungere i suoi scopi di vendetta. Mentre le forze del bene e del male si risvegliano dal loro antico torpore, vecchi e nuovi legami sono messi a dura prova in quella che, ben presto, si trasformerà nell’ultima grande guerra tra il Regno Celeste e gli Inferi. Chi avrà la meglio, guadagnando la vittoria? E il Padre, che ha generato ogni creatura con immenso Amore, rimarrà spettatore dello sfacelo tra Suoi figli?

L’AUTRICE:

Ella M. Scarlett – Laureata in Giurisprudenza, pratica la professione di avvocato a Genova, dove è nata e cresciuta. Amante di fumetti e letteratura, coltiva la passione per la scrittura fin da bambina. Passa l’adolescenza immersa nel mondo delle fanfiction, a cui deve molto più di quanto possa dire, e che continua a leggere assiduamente, anche oggi. Predilige le storie in cui la realtà si intreccia con la fantasia e in cui nulla è impossibile o incredibile, perché l’immaginazione, per lei, non conosce limiti. L’Albero della Vita – La Genesi è il suo romanzo d’esordio, primo volume di una serie paranormal romance, pubblicata dalla Genesis Publishing.

Amici cosa dite di questo libro? Vi ispira? Io penso che gli darò una chance!

A presto lettori,

erigibbi

©

[ATTENZIONE! Sono affiliata ad amazon, dunque cliccando sui miei link e acquistando qualunque cosa percepirò una commissione per un massimo del 10% che amazon mi pagherà in buoni spendibili sul suo stesso sito e che io utilizzerò per comprare libri ed alimentare il blog ed il canale YT.
Se vuoi sostenermi compra da amazon attraverso il mio link sovrastante oppure da qui: http://amzn.to/2oDpsz8]