Scegliete ciò che amate

Ciao a tuttiiii!!

Oggi navigando su YT..

Coscienza: “cosa che non dovresti fare Erika! Tu devi studiare! Ah, non dovresti nemmeno scrivere nel blog, sia chiaro”

Me medesima: “ssssh non parlare su”

Stavo dicendo, oggi navigando su YT sono incespicata (questa parola mi fa venire in mente un cespo di insalata..) in Sofia Viscardi. Ora, mi sento molto 15enne (senza offesa per le 15enni) nel dichiarare che mi sono sparata tipo 5 video di Sofia. Mi sono resa conto che me li sono guardata sempre col sorriso sulle labbra ma la cosa deprimente è che alla fine ho pensato: ‘po*ca put*ana questa c’ha 18 anni, studia, fa i video su yt ed è al persona più felice del mondo, io ho 25 anni e e e ca*zo MI SENTO VECCHIA’.

Sì signori e signore mi sento vecchia. Ma non è SOLO un fattore età, c’è molto, molto di più. Da un po’ sento questa insoddisfazione, questo stato di costante bo, sì insoddisfazione credo sia il termine più appropriato. Nella vita, in questi miei inutili 25 anni non ho fatto altro che studiare, cosa che tuttora sto facendo. Non ho fatto altro. Non me la sono spassata molto, non ho visitato mezzo mondo, anzi, non ne ho visto nemmeno un decimo di mondo e bo, non ho realizzato nulla di buono. Non faccio nulla per gli altri ad esempio. Ma quello che ancora di più mi fa stare male, è che non faccio nulla per me. Non mi sento realizzata. Il problema è che mi piacciono così tante cose che alla fine, non so nemmeno cosa voglio realmente fare. Anzi lo so. Vorrei fare tutte queste cose che amo.

Mi sento molto LeopardiStyle in questo periodo ma credo che questo mio ‘mal di vivere’ sia comune a tante persone. Purtroppo. Cioè spero di no, per carità, ma qualcosa mi dice il contrario.

Voglio dire, quante persone fanno realmente ciò che amano fare? Quante persone hanno realmente un lavoro che amano? Quante persone sono soddisfatte di quello che hanno?

Perché non si può avere un mondo che non si limita a sopravvivere ma che vive grazie a delle persone che fanno quello che amano? Quanto meglio sarebbe? Ci sarebbe meno stress, meno rabbia, meno depressione, più gentilezza, più altruismo, più salute. Se nella vita fai quello che ti piace stai bene, di conseguenza sei più orientato a far star bene gli altri.

Perché devo essere obbligata a studiare fino a 18 anni se a me non piace studiare ma piace creare oggetti lavorando il legno? Perché sono obbligata a lavorare come segretaria se a me piacerebbe fare la fiorista?

Perché siamo obbligati a fare qualsiasi scelta? Perché non abbiamo libertà di scelta in un Paese che è convinto del contrario?

Sono contenta per Sofia e per quelle persone che hanno avuto il coraggio di scegliere di cambiare scuola perché non si trovavano bene, che hanno avuto il coraggio di aprire un canale o un blog per parlare di quello che passa per la testa senza dover per forza ‘produrre’ qualcosa, che hanno avuto il coraggio di andare avanti in una vita che non hanno scelto o in un lavoro che non hanno scelto veramente ma solo perché non hanno trovato altro che permetteva loro di vivere, sono contenta per tutte quelle persone che scelgono di fare ogni giorno ciò che amano fare.

Io non ho ancora scelto.

Scegliete ciò che amate.

erigibbi

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...