RECENSIONE FILM SPLIT

Mi sembra sia già uscito qui sul blog il fatto che abbia studiato psicologia tutta una vita (sì, sto esagerando, ci ho dedicato solo 5 anni al liceo e 5 all’università) quindi potevo non guardare Split?

Il protagonista del film è un ragazzo che soffre di disturbo dissociativo di personalità conosciuto ai più come disturbo di personalità multiple. Lo ammetto, più pazzi sono più rimango affascinata, è più forte di me. Il vero nome di questo ragazzo è Kevin ma durante il film lo incontreremo veramente per pochi istanti. Kevin ha altre 23 personalità. Che sia veramente possibile? È molto raro in realtà, di solito ci aggiriamo da 2 a 4-5 al massimo, che io sappia, ma c’è stato un caso di un ragazzo in particolare (da cui io penso sia stata tratta ispirazione) che manifestava 24 personalità distinte: Billy Milligan. Nel film non vedremo tutte e 24 le personalità ma quelle più importanti e forti: Dennis, un uomo con DOC (disturbo ossessivo compulsivo) che lo porta ad essere ossessionato dalla pulizia propria ed altrui oltre che dall’ordine; Barry, un ragazzo che disegna vestiti di moda e che va in terapia da una dottoressa proprio per questo disturbo; Patricia (sì, chiaramente una donna) che inizialmente mi sembrava abbastanza razionale ma ho dovuto ricredermi e Hedwig, un bambino di 9 anni.

Sostanzialmente Dennis rapisce tre adolescenti, Claire, Marcia e Casey e mentre Claire e Marcia cercano di cospirare contro Dennis per avere la meglio sostenendo che in tre contro uno ce la si può fare, Casey è l’unica che fin dall’inizio sembra capire qualcosa, è come se sapesse come e quando bisogna agire. Scopriremo poi che Casey ha avuto un’infanzia difficile, in cui veniva abusata dallo zio. Questo le ha permesso di entrare in sintonia con il pensiero di Kevin e delle altre personalità perché l’evento scatenante del disturbo di Kevin è stato proprio l’abuso infantile oltre che i maltrattamenti subiti dalla madre.

La storia aveva un potenziale enorme ma tutto è scemato nel momento in cui è apparsa La Bestia. La Bestia è la 24° personalità di Kevin, dotata di forza sovraumana e (purtroppo per noi spettatori) in grado di arrampicarsi sui muri come fosse SpiderMan, in grado di non perdere una goccia di sangue dopo essere stato accoltellata (con un fianco d’acciaio visto che dopo essere stato accoltellata il coltello si è pure frantumato), in grado di restare praticamente indenne dopo due o tre colpi di fucile. Ecco qui è caduto tutto. Si è improvvisamente passati da un bel film ad un film di fantascienza fatto male visto che le scene in cui La Bestia si arrampicava sui muri erano evidentemente ritoccate male, anzi malissimo. Ma io dico, perchè? Mi sarebbe andata benissimo la personalità più forte, più resistente al dolore, ma perché renderla sostanzialmente d’acciaio, in grado di arrampicarsi sui muri e pure cannibale? (Mi stavo dimenticando di questo particolare essenziale). Un vero peccato.

Un’altra cosa che proprio mi ha dato fastidio, ma qui probabilmente entra in gioco la deformazione professionale è la seguente: la dottoressa (un’anziana signora con anni e anni di esperienza alle spalle, mica la giovane laureata di turno) non ha avvisato le autorità nel momento in cui ha capito che il suo paziente poteva fare del male a se stesso o qualcun’altro. GRAVE, GRAVISSIMO! Questa è una cosa che non sta né in cielo né in terra, non esiste! È dovere professionale farlo; quando uno psicologo, uno psichiatra ma anche un medico, capisce o pensa che il suo paziente può ledere a sé o agli altri non c’è segreto professionale che tenga.

Niente da dire invece sulla bravura di James McAvoy, una prestazione superlativa, fantastica, da bocca aperta, da brividi, da “se avessi la sua bravura conquisterei il mondo!”. Interpretare 6 persone differenti per età, sesso, caratteristiche fisiche e linguistiche (ad esempio quando interpreta Hedwig parla come un bambino e tra l’altro con il sigmatismo, vedi zeppola o s moscia o s sifula o Jovanotti) non deve essere per niente facile e lui c’è riuscito alla grande!

Io sicuramente vi consiglio il film perché è interessante ma da quando inizia ad esserci La Bestia per me c’è stato un calo brusco e infatti la mia valutazione proprio a causa di questa personalità è di sole:

stellinastellinastellina

Voi avete visto questo film? Cosa ne pensate? Fatemi sapere!

A presto lettori,

erigibbi

©

[ATTENZIONE! Sono affiliata ad amazon, dunque cliccando sui miei link e acquistando qualunque cosa percepirò una commissione per un massimo del 10% che amazon mi pagherà in buoni spendibili sul suo stesso sito e che io utilizzerò per comprare libri ed alimentare il blog ed il canale YT.
Se vuoi sostenermi compra da amazon attraverso il mio link sovrastante oppure da qui: http://amzn.to/2oDpsz8]

RECENSIONE FILM: X-MEN APOCALYPSE

TITOLO: X-MEN Apocalypsex-men_apocalype_uk_poster

ANNO: 2016

DURATA: 144 minuti

GENERE: azione, fantascienza, avventura, fantastico

REGIA: Bryan Singer

DISTRIBUZIONE: 20th Century Fox

INTERPRETI & PERSONAGGI:

James McAvoy: Charles Xavier/Professor X

james_mcavoy_cannes_2014

Michael Fassbender: Erik Lenhsherr/Magneto

michael-fassbender-gq-france-photo-shoot

Jennifer Lawrence: Raven Darkhölme / Mystica

jennifer

Oscar Isaac: En Sabah Nur / Apocalisse

oscar

Tye Sheridan: Scott Summers / Ciclope

tye

Sophie Turner: Jean Grey / Fenice

sophie-turner-sophie-turner-35061470-500-750

Kodi Smit-McPhee: Kurt Wagner / Nightcrawler

kodi_smit-mcphee_verge_jeff_vespa

Nicholas Hoult: Hank McCoy / Bestia

Rose Byrne: Moira MacTaggert

Olivia Munn: Psylocke

Lucas Till: Alex Summers / Havok

Ben Hardy: Angelo

Evan Peters: Pietro Maximoff / Quicksilver

Alexandra Shipp: Ororo Monroe / Tempesta

Josh Helman: William Stryker

Lana Condor: Jubilee

Hugh Jackman: Logan / Wolverine

TRAMA:

Antico Egitto. En Sabah Nur, detto Apocalisse e venerato come un dio, sta per compiere il rito di trasferimento della sua anima nel corpo di un mutante che ha il potere di rigenerare le proprie ferite, ottenendo così l’immortalità, ma un gruppo di ribelli lo imprigiona sotto una piramide. Nel 1983, mentre il mondo è ancora in debito con Raven e il Prof. X per aver salvato il Presidente degli Stati Uniti e Magneto ha provato a rifarsi una vita e una famiglia mantenendo l’anonimato, un gruppo di fanatici risveglia dal suo riposo eterno Apocalisse, più che mai intenzionato a riprendere il posto che gli spetta sul trono del mondo.

RECENSIONE:

Buona domenica ragazzuoli! Mi sa che la nuova routine domenicale sarà ufficialmente tenervi compagnia con una recensione filmesca! Venerdì sera io e BB abbiamo guardato, da bravi nerd quali siamo, X-MEN Apocalypse e devo dire che siamo praticamente d’accordissimo con i giudizi. Siamo stati subito colpiti dagli effetti grafici, dai colori accesi utilizzati all’inizio del film, io non vi nego che ero proprio con la bocca aperta, e questa prima parte in 3d deve essere stata una figata pazzesca. Adoro James McAvoy (e non ho ancora visto Split), in X-Men magari la sua bravura non emerge chissà quanto ma mi piace veramente molto. Per quanto riguarda Erik/Magneto, se già nei film precedenti la sua storia era struggente, con questo film penso si sia toccato il fondo e insomma, con tutto il rispetto per i buoni, ma ad un certo punto uno si rompe anche i coglioni e ti credo che schizza male. Erik hai tutto il mio appoggio quando ti parte l’embolo. O almeno, il mio appoggio ce l’hai avuto in questo film. Secondo noi nessun attore è comunque emerso per le sue doti. Entrambi abbiamo mal sopportato Scott/Ciclope. Odioso. O-DIO-SO. Già da adulto non ci fa impazzire, da ragazzino sembrava semplicemente un riccone spocchioso bulletto odioso, il contrario del fratello direi. Divertente la scena in cui Quicksilver salva tutti i mutanti all’interno della scuola del Professore e anche Nightcrawler ha spesso alleggerito le situazioni. Su Jennifer Lawrence/Mistica e Sophie Turner/Jaen non ho molto da dire se non “gran gnocche”. BB qualcosa da dire su Sophie/Jean l’ha avuto in realtà: “è inutile proprio come su Games of Thrones, stupida Sansa” e vabbé diciamo che tutti i torti non ce li ha visto che per aiutare Charles a combattere mentalmente il cattivo c’è voluta una vita e mezza, ma, dettagli. Anche per il cattivo non ho molto da dire. Fortissimo, alla fine aveva un sacco di poteri fighi e poi poteva rafforzare il potere degli altri e una cosa positiva l’ha fatta visto che ha aiutato Erik a fare un passo in più, e insomma, Magneto sarà anche un po’ cattivo, ma c’è qualcuno che lo odia per questo?! E poi l’unica cosa che pensavo quando compariva Apocalypse era “ma dovevano farlo proprio così brutto??”.

Aaaah me ne stavo dimenticando! Sì, compare Logan/Wolverine! Sì, ha amazzato un po’ di gente. Sì, se n’è altamente fregato se il mondo stava andando a puttane. Sì, lo adoro.

Insomma ragazzi, il film a noi COME AL SOLITO QUANDO CI SONO EROI, è piaciuto! Forse (appunto del tutto mio) l’hanno tirato un po’ per le lunghe ma non è stato male!

Veniamo ai voti:

Voto attori: 7.5 su 10

Voto grafica/effetti speciali: 9 su 10

Voto trama: 7 su 10

Voto finale: 8 su 10

E ricordate:

Forget everything you think you know.

Whatever lessons you learned in school…

Whatever your parentts tought you

None of that matters!

You’re not kids anymore.

You’re not students.

YOU’RE X-MEN.

A presto X-Men

eri gibbi

©